Parrocchia di San Bernardo

BENVENUTI NEL SITO WEB DELLA  PARROCCHIA DI SAN BERNARDO!


 

Educarsi al pensiero di Cristo /2

per una comunità missionaria feriale

Donne e uomini per la vita

nel solco di S. Teresa di Calcutta:

il coraggio di sognare con Dio.

Sognava con Dio quel padre in affanno per la malattia del figlio. Dopo la lunga salita da Cafarnao a Cana  – dove Gesù aveva dato principio ai segni e alla fede – poteva sfogare il suo cuore e desiderare vita e salute per il tesoro di casa.

Sognava con Dio la folla strabiliata dalle parole del profeta di Nazaret: non il solito guaritore invasato, ma uomo di Dio che dice la Parola che salva “tuo figlio vive!”. Non solo guarisce, ma salva. Perché nella malattia, nella vita e nel bisogno c’è un’invocazione a Dio che solo Gesù portare a compimento; nella vita, nella malattia, anche oltre la morte.

Sognava con Dio anche Gesù che non si accontenta di esaudire un desiderio, ma sostiene nella fede e mette tutti, sempre, in cammino. Il volto di Dio che Gesù rivela è sempre il volto del Dio della vita.

Sognava con Dio Santa Teresa di Calcutta che sprofondata nelle miserie di una periferia immensa vedeva nei moribondi i tratti di Gesù sulla croce e ai moribondi bagnava le labbra perché Gesù in croce dice sempre: “Ho sete”.

Sognava con Dio San Giuseppe, “uomo del sogno” che con laboriosità e coraggio custodisce e promuove la vita di Gesù e di Sua madre.

Sognano con Dio i nonni che con lo sguardo, l’affetto, il lavoro e la preghiera accompagnano i nipoti, li curano nelle malattie, insegnano loro a giocare e pregare.

Sogniamo con Dio tutti perché la vita senza sogni e senza Dio non merita di essere vissuta. Chiediamo il coraggio di sognare.

don Flavio

 


IO HO UN POPOLO NUMEROSO IN QUESTA CITTA’

prepariamo la visita di papa Francesco 25 marzo 2017

Con gioia accogliamo papa Francesco, che viene a visitare la Chiesa di Milano e le terre ambrosiane. Egli viene come vescovo di Roma, cioè come colui che “presiede alla carità” di tutte le Chiese, per rinnovare i legami che ci uniscono alla Chiesa tutta e confermarci nella fede come figli e fratelli. Saremo così incoraggiati e spronati a essere “discepolimissionari” nella testimonianza della nostra fede (cfr. papa Francesco, Evangelii Gaudium, 2013, n. 120).

Questa visita pastorale avviene qui, nella terra di Ambrogio, nella diocesi che conta un numero molto alto di battezzati e una straordinaria strutturazione della vita della Chiesa locale. Numerosissime sono le parrocchie e molteplici sono gli enti che nella storia sono sorti per grazia, ingegno, creatività nell’ambito della carità, della cultura, dell’educazione. Milano è anche la città di Italia più esposta allo scenario europeo: per collocazione geografica, perché nella pianura e luogo di transito verso l’Oltralpe; per sensibilità, perché aperta all’incontro tra persone e comunità, allo scambio economico, all’accoglienza.

“Il territorio ambrosiano è incastonato al centro dell’Europa, una terra di mezzo in più di un senso. (…) La gente ambrosiana ha sempre respirato con due polmoni, quello locale – del campanile, del municipio, del cortile – e quello dell’Europa. La sua posizione di crocevia europeo ha connotato una storia e una temperie culturale in cui radicamento locale e vocazione internazionale sono sempre stati fortemente intrecciati. Si può anche dire che Milano non è stata una città cosmopolita nel senso di altre capitali europee ma, ben di più, una città da cui si viene adottati, si vedono esaltati i propri talenti e la propria capacità di contribuire allo sviluppo e ci si può sentire profondamente milanesi” (A. Scola, Milano e il futuro dell’Europa. Discorso di Sant’Ambrogio, 2016).

Oggi questa creatività prende nuova forma. Sempre nel suo discorso alla città, l’arcivescovo ha tratteggiato un interessante quadro della realtà di Milano, offrendone uno spaccato variegato: Milano, insieme alle sue terre, è motore propulsore dell’economia, sede privilegiata di processi e azioni innovative, luogo di ricerca scientifica di alto livello con una presenza di studenti universitari che si aggira intorno ai 200.000 iscritti di cui più del 10% stranieri, centro metropolitano con un notevolissimo concentrato di start up in ambito imprenditoriale, meta riscoperta e apprezzata di flussi turistici molto consistenti (complice il rinnovamento avuto con EXPO) ma anche luogo con una forte percentuale di lombardi impegnati nel volontariato. Milano è dunque anche abitata da “gente solidale, che si mescola, si incontra e coopera”, espressione di un umanesimo cristiano che ha generato un tipico “cattolicesimo lombardo”, dalla storia plurisecolare e dalla vitalità ancora ben riconoscibile.

La realtà della metropoli è però provocata e anche sfidata da un nuovo contesto culturale e sociale che non sempre favorisce l’incontro di popoli e di culture in una convivenza capace di conciliare le differenze. Milano ha antiche radici cristiane ma non è “scontatamente” cristiana tanto che – sempre “nel suo discorso alla città – l’arcivescovo ha provocatoriamente posto l’interrogativo: “Milano senza cristianesimo?”. Certamente no, ma a condizioni di sapersi erede di valori evangelici da testimoniare con coraggio e con gioia. La Chiesa ambrosiana deve lasciarsi scuotere, lasciarsi convertire, ritornando sempre più decisamente ai “quattro pilastri” della vita delle prime comunità cristiane (cfr. A. Scola, Alla scoperta del Dio vicino, 2012, n.8).

Alla nostra Chiesa sentiamo indirizzate le parole che il Papa ha rivolto all’Europa lo scorso 6 maggio in occasione del discorso per il premio Carlo Magno quando, invitando a non perdere la preziosa memoria del passato, ha esortato il vecchio continente ad

“affrontare con coraggio il complesso quadro multipolare dei nostri giorni, accettando con determinazione la sfida di “aggiornare” l’idea di Europa. Un’Europa capace di dare alla luce un nuovo umanesimo basato su tre capacità: la capacità di integrare, la capacità di dialogare e la capacità di generare” (papa Francesco, Roma 6 maggio 2015).

Impresa troppo alta? Non per una Chiesa come quella italiana – dice il Papa – e dunque anche ambrosiana, diciamo noi; una Chiesa

di antiche origini, adulta, antichissima nella fede, solida nelle radici e ampia nei frutti… Una Chiesa chiamata a credere al genio del Cristianesimo italiano, che non è patrimonio né di singoli né di una élite, ma della comunità, del popolo di questo straordinario Paese” (papa Francesco, Firenze 10 novembre 2015).


GIORNATA DELLA SOLIDARIETA’ 19 febbraio

Marcia della solidarietà delle parrocchie del decanato Seregno Seveso

15 Seregno – partenza 14.15 piazza Mons. Arrigoni


E’ UFFICIALMENTE ATTIVA ANCHE LA SEGRETERIA DELL’ ORATORIO con riferimento a sr. Gabriella per info, sale per feste di compleanno, riunioni condominiali o altro. Dal LUNEDI’ al VENERDI’ dalle 16.30 alle 18, DOMENICA dalle 15 alle 18.

AAA. Allarghiamoci e accogliamoci per i nostri RAGA e la nostra Comunità….CERCASI GENITORI….SIMPATIZZANTI per aiuto BAR e AIUTO RIASSETTO/RIORDINO/PULIZIE dell’Oratorio…. Rivolgersi direttamente a don Angelo….

PRONTI A FESTEGGIARE IL CARNEVALE!!!: SABATO 25 FEBBRAIO….in caso di maltempo potremo posticiparlo a SABATO 4 MARZO…. A breve volantino… P.S Grazie a quanti stanno allestendo il carro in chiesa antica…


Do 05 IV dopo l’ Epifania – GIORNATA NAZIONALE DELLA VITA e GIORNATA SULLA NEVE A CHAMPOLUC

15.30 oratorio San Pio X IncontrACI verifica e confronto

con i visitatori laici nelle case in occasione del Natale.

Incontro aperti anche a nuovi candidati per il Natale 2017 !!!

Ore 8 S. messa PRO POPULO

Ore 10.30 S. Messa Domenica, Giuseppe, Luigi, Marelli-Dell’orto

Ore 15 ANIMAZIONE GIOCHI IN ORATORIO

Lu 06 questa settimana don Simone partecipa al Corso di Esercizi dei preti ISMI

S. Paolo Miki e martiri giapponesi

Ore 8,30 S. Messa

Ma 07 Ss. Perpetua e Felicita martiri

Ore 9 S. Messa

16-18: COLLOQUI GENITORI DI II EL.c/o studio don in oratorio

ore 21: Corso fidanzati c/o CONSULTORIO

Me 08 S. Girolamo Emiliani educatore

Ore 8.30 S. messa

Gi 09 20.45 Scuola di teologia per laici presso CPA Seveso

Ore 8.30 S. messa

21. Icontro genitori per i battesimi im casa parrocchiale

Ve 10 S. Scolastica vergine

Ore 20.30 S. messa deff. Lupano Giuseppe, Chilemmi Domenica

Sa 11 B. Vergine di Lourdes GIORNATA MONDIALE DELL’AMMALATO

15-17.30: CONFESSIONI

18 S. messa e UNZIONE DEGLI INFERMI….Deff. Trovò Adolfo, Rosa e Clerice.La Caritas è disponibile a organizzare il trasporto dei malati…chiamare il n.

19.30: Cena di sant’Agata in ORATORIO

Do 12 V dopo l’ Epifania  

Ore 10.30: Celebra l’Eucarestia don Davide Milanesi, viceretore di teologia, accompagnatore del seminarista Giacomo

15 – 17 laboratorio catechiste comunità Pentecoste presso oratorio don Bosco

15 Battesimi

Lu 13 10.15 Diaconia

questa settimana don Luigi partecipa a un corso di Esercizi spirtuali (Rho)

21 Commissione parrocchiale Santi Ambrogio e Carlo

Ma 14 Festa dei Ss. Cirillo e Metodio missionari

10 Visita pastorale feriale dell’Arcivescovo al clero della Zona 5

21 Commissione parrocchiale San Pio X

Me 15 21 Commissione per i Beni Economici della CP Pastorale (2CAECP)