Domenica 18 Giugno 2017 – II dopo Pentecoste – le meraviglie della creazione

CON E PER I CRISTIANI PERSEGUITATI

Educarsi al pensiero di Cristo/2

per una comunità missionaria feriale

 Quando un prete cambia

Faccio fatica a dare ordine ai pensieri, ai ricordi e alle emozioni.

Mi muovo su tre livelli: dal più banale al più serio.

  1. Un prete fa sempre contenta la sua parrocchia: o quando arriva o quando se ne va. Il prete è sempre l’ultimo ad arrivare e il primo ad andare via.

Le battute, perché di battute si tratta, dicono quanto sia importante una comunità di fedeli capaci di vivere la propria testimonianza cristiana in un tempo e in territorio continuamente in evoluzione. La passione per il Vangelo è il compito che attende tutti. Il cambio di un prete ci interpella in questa direzione.

  1. E’ dal 2001 che vivo in questo territorio: prima in Seminario a Seveso e poi a Cesano Maderno (2007). Dieci anni di parroco a Santo Stefano e San Pio X, nove ai Santi Ambrogio e Carlo, otto di Decano di Seveso (poi Seregno – Seveso), sette di parroco a San Bernardo e Responsabile della Comunità pentecoste.

I giorni e il lavoro non rendono ragione della benedizione che è stata per me questa esperienza. Diventando prete avevo scelto di mettere questa frase del nuovo testamento su l’immagine ricordo: perché io possa conoscere lui, la potenza della sua risurrezione, la comunione alle sue sofferenze, facendomi conforme alla sua morte, nella speranza di giungere alla risurrezione dai morti (Fil 3, 10-11). Davvero ho conosciuto di più il Signore qui a Cesano nella Comunità Pentecoste. E avrei dovuto servirlo e amarlo di più nella preghiera, nell’ascolto e nel servizio. Voglio ancora conoscerlo nella forza della sua Pasqua. Mi hanno sempre affascinato le parole del Beato Giovanni Mazzucconi (un lecchese!): “Non so cosa Egli mi prepari di nuovo nel viaggio che incomincia domani; so una cosa sola, se Egli è buono e mi ama immensamente, tutto il resto: la calma e la tempesta, il pericolo e la sicurezza, la vita e la morte, non sono che espressioni mutevoli e momentanee del caro Amore immutabile, eterno”.

  1. Concludendo il mese ignaziano negli esercizi spirituali di aprile la guida mi invitava a riprendere il tema della “missione” come una parola ricorrente nel cammino delle quattro settimane; una parola di Dio per me.

Dopo Pasqua ecco che questa parola diventa concreta in una chiamata della chiesa. L’ho sentita un po’ ruvida all’inizio, ma se si tratta di “missione” si tratta anche di “partenza”. La fatica del distacco, le domande e le battute di questi giorni, il dispiacere e le preghiere le prendo per me, per purificare il mio cammino di discepolo e di prete, per prendermi cura del solo Vangelo. La domanda E IL VANGELO? vale soprattutto per me. Prego e vi chiedo di pregare perché questa partenza diventi un Magnificat e perché ovunque vada possa essere, come sono stato qui, un prete felice.

Quando un prete cambia … e tempo di conversione.

Grazie a ciascuno.

don Flavio


 

Giovedì 22 giugno: gita a Leolandia. Non essendo questa meta un parco acquatico, sarà possibile mandare TUTTI i ragazzi in gita senza la necessità d’essere accompagnati dai genitori ma CUSTODITI dagli animatori e adulti presenti. Per questo motivo GIOVEDI’ 22 NON SARA’ NECESSARIO accogliere in oratorio chi non può partecipare alla gita. L’ORATORIO SARA’ DUNQUE CHIUSO…


DOMENICA 3 SETTEMBRE

alla S. Messa delle ore 10,30 RICORDEREMO GLI ANNIVERSARI DI MATRIMONIO e il XXV anniversario di ORDINAZIONE SACERDOTALE di don Francesco Braschi. Iscrizioni presso la SEGRETERIA PARROCCHIALE entro il 31 Luglio ’17.

Il Gruppo cucina in vista di una continuità di servizio alla Comunità, a ragione del fatto che alcuni singoli per motivi personali lasciano, chiede la disponibilità a chi lo desidera di aggiungersi a far parte del gruppo. Chi lo volesse può rivolgersi direttamente a don Angelo. Al gruppo stesso, e a quanti lasciano, un sincero ringraziamento e apprezzamento per il servizio svolto in questi numerosi anni da parte della Comunità Cristiana.


RIUNIONE ORGANIZZATIVA LUNEDI’ 3 LUGLIO ALLE 21 IN ORATORIO

Aiuto alla Chiesa che Soffre sostiene la Chiesa oppressa e perseguitata nel mondo.

È stata fondata nel secondo dopoguerra per aiutare i 14 milioni di sfollati tedeschi – sei dei quali cattolici – in fuga dalla nascente Germania Orientale e ha da subito sostenuto tutti i fedeli che, nell’Europa dell’Est occupata dal comunismo, erano costretti a nascondere la propria fede

Ecco cosa rappresenta il LOGO DI ACS

  • il rosso è quello del sangue dei martiri;
  • la linea al centro simboleggia la Cortina di Ferro;
  • la freccia è come l’aiuto di ACS riesce a superarla.

Il mondo è profondamente diverso da quello di 69 anni fa. E la Cortina di ferro non spezza più in due l’Europa. Ma la Chiesa è ancora perseguitata e oppressa. Come in Nigeria, in Iraq, in Pakistan, in Indonesia, in Cina. E in molte altre parti del mondo in cui la Chiesa subisce attacchi feroci e cruenti, oppure subdoli e meschini.I dati parlano chiaro: i nostri fratelli nella fede sono i più perseguitati. Ed esattamente come 69 anni fa Aiuto alla Chiesa che Soffre continua la sua opera di assistenza in favore di dei cristiani. Perché, per dirlo con le semplici parole di Padre Werenfried: «il nostro scopo è assistere i fedeli di Cristo perseguitati».La Fondazione s’impegna fortemente anche nel difendere il diritto alla libertà religiosa. La formazione a questo diritto fondamentale è una delle priorità di ACS-Italia che ha ideato non solo il Rapporto sulla Libertà Religiosa nel mondo, strumento indispensabile per chi voglia conoscere la situazione della libertà religiosa in ogni Paese, ma anche il «Perché mi perseguiti?» prezioso vademecum sulla libertà religiosa, che contiene i dati del Rapporto, integrandoli con riflessioni e riferimenti pastorali.

Informare, Pregare, Agire


Do 18 II domenica dopo Pentecostelo splendore della creazione

Predicazione animazione raccolta offerte a cura dei

MISSIONARI DELL’AIUTO ALLA CHIESA CHE SOFFRE

15.30–18.00 via delle Rose -Consiglio pastorale della CP Pentecoste 2CPCP14

sarà presente il nuovo responsabile don Stefano Gaslini

08.00 S. Messa

10.30 S. Messa Pro-Populo

Lu 19 Ss. Gervaso e Protaso martiri – Festa

20.45 Don Bosco incontro Consiglio beni economici delle parrocchie del

Decanato Seregno Seveso con Ufficio Amministrativo Diocesano

20.45 pellegrinaggio dei maturandi a santa Maria (ritrovo ODB)

08.30 S. Messa def. Marcon Maria

Ma 20 09.00 S. Messa def. Sonda Giacomo
Me 21 S. Luigi – 59° anniversario ordinazione sacerdotale di don Giovanni (1958)

BICICLETTATA DEGLI ORATORI DI CESANO MADERNO

08.30 S. Messa deff. Luigi Cattaneo – Luigi Rovelli e familiari defunti

Gi 22 08.30 S. Messa Deff. Guzzardi Sebastiana, Maria Antonia e Giuseppe

Gita OFE “LEOLANDIA” Oratorio Chiuso

Ve 23 Solennità del S. Cuore di Gesù

20.30 S. Messa Deff. Salvagnin Vito, Nestore e Ines

Sa 24 Solennità della nascita di San Giovanni Battista

16.30-17.30 CONFESSIONI

18.00 S. Messa def. Villa Bruno – Intenzioni di un offerente per anniversario matrimonio Cazzaniga Sergio e Barindelli Giovanna

Do 25 III domenica dopo Pentecoste –  Dio e l’uomo

Giornata per la carità del papa

 

29-31 LUGLIO: MINI-VACANZA in autogestione per FAMIGLIE presso la casa S. Maria in Val Formazza. Proposta aperta ai GRUPPI FAMILIARI della nostra COMUNITA’ PASTORALE PENTECOSTE.

Costo pacchetto da sabato 29 a lunedì 31 Luglio 60,00 euro a persona (adulti e bambini). Solo Sabato e domenica 45,00 euro. Bambini sotto i 4 anni non pagano. Riunione organizzativa LUNEDI’ 24 LUGLIO presso l’ORATORIO di San Bernardo.

Iscrizioni entro SABATO 1 LUGLIO rivolgendosi a don Angelo o ai referenti della Commissione Famiglia